Sei in:  News » In Accademia Navale la cerimonia di chiusura della settimana velica internazionale

In Accademia Navale la cerimonia di chiusura della settimana velica internazionale

Mediagallery

Giunta al termine, dopo otto giorni di regate, competizioni e varie attività di carattere culturale e sociale, la Settimana Velica Internazionale 2019.

Oggi, mercoledì 1 maggio, sullo sfondo della storica scritta “Patria e Onore” dell’antico piazzale dell’Accademia Navale e accompagnata dalle note della fanfara, si è svolta la cerimonia di chiusura della Settimana Velica, con le premiazioni dei vincitori delle varie classi di regate.

“Si conferma una manifestazione di qualità”, specifica l’ammiraglio Pierpaolo Ribuffo, comandante dell’Accademia Navale di Livorno; “un bilancio molto positivo, non solo per i numeri ma soprattutto per la qualità degli eventi sia in mare che a terra, a dimostrazione del fatto che se si fa squadra sempre, se ci muoviamo insieme tra le Istituzioni, con il volontariato, tra i vari paesi, il mare diventa una fucina di belle iniziative a vantaggio di tutti”.

Con l’arrivo di Stella Polare, più di 600 miglia percorse, più di 7 giorni di navigazione nel Mar Tirreno, è terminata ufficialmente anche la seconda edizione della Regata dell’Accademia Navale. Dopo la vittoria di MY SONG dello scorso anno, taglia per prima il traguardo in quel di Livorno il Grand Soleil 46S Solete di Claudio Paoli che si aggiudica il premio CHALLENGE RAN.

Dopo tre giorni di regate e 27 prove effettuate sullo sfondo di Terrazza Mascagni e dell’Accademia Navale, l’equipaggio composto dagli ufficiali frequentatori dell’Accademia italiana ha trionfato nella Naval Academies Regatta. Secondo posto per i rappresentanti della Polonia, seguiti dalla Norvegia. Competizione della classe trident 16, svolta con un formato innovativo e particolare ideato dalla LEGA ITALIANA VELA (LIV): ogni giorno si sono svolte diverse regate brevi, a batterie di nove derive monotipo, con lo spettacolare avvicendamento in movimento degli equipaggi in mare, con la partecipazione di ben 81 regatanti. Queste le nazioni presenti a Livorno: Bahrain, Bulgaria, Cina, Ecuador, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giordania, Gran Bretagna, Grecia, India, Lettonia, Marocco, Messico, Norvegia, Olanda, Polonia, Qatar, Romania, Serbia, Spagna, Sri Lanka, Tunisia, Turchia.

Premiati durante la cerimonia anche i vincitori di tutte le altre classi di regate svolte durante la Settimana Velica Internazionale 2019.

Da segnalare la terza tappa dell’ITALIA CUP, regata di circuito nazionale classe LASER organizzata dal GRUPPO VELA ASSONAUTICA LIVORNO in collaborazione con il movimento ITALIA LOVES SICUREZZA con lo scopo di veicolare il messaggio della “Sicurezza come Valore” e il fine di promuovere i Valori della Salute e Sicurezza, per contrastare i comportamenti e le abitudini pericolose a partire dai luoghi di lavoro e arrivare ad ogni ambito sociale. Svolta dal 26 al 28 aprile, ha visto trionfare nella classe Laser 4.7 Niccolò Nordera del Reale Y.C.C. Savoia, mentre per la classe Laser Radial Matteo Paulon del Y.C. Cannigione Assocsportiva.

Davide Dimaria del Circolo Canottieri Garda Salò è stato il primo classificato nelle regate delle derive classe HANSA, progetto, quest’ultimo, nato dalla consapevolezza che lo sport della vela possa contribuire fortemente all’integrazione consentendo a persone con difficoltà motorie di diventare “protagonisti” di un percorso di crescita.

Tante anche le attività collaterali svolte a terra, con particolare attenzione per il sociale e la collettività, alle quali la popolazione ha aderito con partecipazione massiccia e tanto entusiasmo. 1820 i visitatori totali su Nave Italia, il meraviglioso brigantino armato goletta di proprietà della Fondazione Tender to Nave Italia. Numerose anche le visite in Accademia Navale, al Faro di Livorno e al centro informativo della Marina Militare a Terrazza Mascagni.

Evento principe della manifestazione, sia per l’interesse sociale sia per le autorità partecipanti, è stato il convegno sulla tutela dell’ecosistema marino dello scorso 29 aprile, aperto dai discorsi del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Valter Girardelli e dal Ministro della Difesa, dott.ssa Elisabetta Trenta, con la sottoscrizione della Charta Smeralda, un codice etico promulgato per la preservazione dell’ambiente marino in occasione dello One Ocean Forum organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda per il suo 50° anniversario.

Senza dimenticare il concorso “il Mare, le Vele”, riservato ai ragazzi delle quinte Elementari ed agli studenti delle Scuole Medie Inferiori e Superiori, incentrato sul tema “Rispettiamo e proteggiamo il mare”.

Le classifiche:
https://www.settimanavelicainternazionale.it/classifiche-2019/